quale-lucidatrice-per-pavimenti-scegliere

Come Scegliere una Lucidatrice per Pavimenti

Se ti trovi qui, hai dei dubbi su come scegliere una lucidatrice per pavimenti, quali sono i parametri da valutare e soprattutto necessiti di un chiarimento tra la funzione di lavapavimenti e lucidatrice. Qui avrai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Come scegliere una lucidatrice per pavimenti

Ci sono diversi fattori da valutare prima dell’acquisto di una lucidatrice. 

C’è, in primis, da considerare se è uno strumento che lavorerà solo per un uso domestico o anche su superfici più grandi. Il raggio d’azione varia in entrambi i casi. Esistono lucidatrici che lavorano su un raggio d’azione di 6-7 metri ed alcune che agiscono su di un limite più ristretto.

Il serbatoio. Questo è fondamentale, perché in base all’estensione della superficie sulla quale si andrà ad operare questo può necessitare di una capienza maggiore o viceversa.

La rumorosità è sempre la croce di chi vive soprattutto in condominio. Esistono lucidatrici silenziose con massimo di decibel di 50/65 db. Queste sono l’ideale. Se invece si tratta di un’abitazione privata…non dovrai porti questo problema.

La forma è importante per garantire un utilizzo anche nei punti più scomodi (spesso consigliate lucidatrici con una forma “angolare”). La maneggevolezza non è da sottovalutare: una buona lucidatrice per uso domestico deve essere pratica e soprattutto riponibile ovunque, per non avere sempre un impiccio tra i piedi.

In ultimo, è fondamentale se viene riposta all’interno di mobili (ma anche se non è così), che abbia un paraurti per non danneggiare questi ultimi e il battiscopa.

Cosa Fa Una Lucidatrice?

Essenzialmente una lucidatrice svolge un lavoro di lucidatura dei pavimenti. Vale a dire che dopo l’accurata pulizia della superficie questa stende la cera protettiva allo scopo di lucidare, nel vero senso della parola, il pavimento sulla quale lavora.

Esistono sul mercato alcune ottime lucidatrici che svolgono la doppia funzione di aspirapolvere e lucidatrice, con un sistema di microfiltraggio integrato.

In questo caso è consigliabile acquistare uno strumento di almeno 800W di potenza.

Su quali pavimenti le lucidatrici garantiscono i migliori risultati?

Esistono lucidatrici specifiche per ogni tipo di pavimento. Nel più dei casi queste lavorano molto bene su marmo e parquet, ma negli ultimi tempi le tecnologie più avanzate hanno permesso la stessa azione su graniglia e gres porcellanato.

In ogni caso è necessario seguire le istruzioni e capire bene il processo di pre e post lucidatura del tipo di superficie in modo da non vanificare tutto lo sforzo fatto.

Quali differenze esistono fra lucidatrici per pavimenti e lavapavimenti?

Come abbiamo spiegato esistono vari tipi di lucidatrici, da non confondere con le lavapavimenti che svolgono un lavoro completamente diverso. Ecco le differenze:

  • Lavapavimenti: è una macchina con spazzole rotanti dotata di due serbatoi. Uno per l’acqua pulita e uno o per l’acqua sporca e un aspiratore. Quando viene utilizzata questa rilascia una soluzione di acqua e detergente, dove le spazzole sfregano la superficie iniziando a lavare e aspirare allo stesso tempo;

Lucidatrice: è una macchina il cui motore attiva 3 o più dischi adattati a seconda della superficie, che appoggiandosi al pavimento svolgono un movimento circolare per favorire la lucidatura.

Quale tipologie di lucidatrice comprare?

Come detto, in base al tipo di pavimento da trattare ed all’uso che se ne deve fare, esiste una lucidatrice adatta. 

C’è da tenere conto che la maggior parte delle lucidatrici forniscono dischi adatti per le varie tipologie di pavimento. 

Di sicuro è un fattore importante, come è importante la scelta del polish e della cera protettiva per il parquet, e le soluzioni non acide per altri tipi di pavimento per il trattamento post lucidatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *